42112199 - digital composite of highlighted spine of man at physiotherapy

CHE COS’E’ L’OSTEOPATIA?

É una filosofia, un’arte, una scienza globale, che si basa su un approccio olistico della persona, ovvero la analizza in tutti i suoi aspetti (muscolo-scheletrico, viscerale e cranio sacrale). L’osteopata non si limita a trattare i sintomi per cui si presenta il paziente, bensì tramite un’attenta valutazione, ricerca e agisce sulle cause, risalendo cosí all’origine del disturbo.

CHI E’ L’OSTEOPATA?

L’osteopata in Italia è riconosciuta come professione sanitaria. L’osteopata é diplomato in scuole private riconosciute. Dopo una formazione di 6 anni, un esame unico nazionale teorico e pratico su pazienti volontari e aver discusso una tesi di ricerca in osteopatia, diventa libero professionista.

L’ente che maggiormente rappresenta gli osteopati in Italia e che si occupa del controllo e della certificazione delle scuole di osteopatia é il Registro degli Osteopati d’Italia (R.O.I.).

QUALI STRUMENTI UTILIZZA L’OSTEOPATA?

L’osteopata utilizza solo ed esclusivamente le sue mani per eseguire dei test di valutazione e il trattamento vero e proprio. Non usa farmaci, rimedi naturali o elettromedicali.

PER CHI E’ ADATTA?

L’osteopatia é indicata per neonati, bambini, adulti, anziani e donne in gravidanza.

QUANDO E’ INDICATA?

L’osteopatia aiuta a riequilibrare le funzioni vitali e agisce con uno scopo curativo e anche preventivo. Le indicazioni per un trattamento osteopatico sono molto ampie e rivolte a tutte le fasce di età. É utile in caso di:

  • Problemi di tipo muscolo-scheletrico: cervicalgia, lombalgia e lombosciatalgia, colpo di frusta, dorsalgie, scoliosi, cifosi, dolori intercostali, pubalgia, parestesia, problemi alla cuffia dei rotatori, periartrite scapolo-omerale, epicondilite, distorsioni alle caviglie, dolori alle ginocchia e alle anche, tendinite, dolori articolari, fascite plantare e cicatrici.
  • Disturbi di tipo viscerale: reflusso gastro-esofageo, acidità gastrica o bruciori, gastrite, costipazione, colon irritabile, ernia iatale, diarrea, emorroidi, disturbi mestruali, cistiti, incontinenza, dolore pelvico.
  • Disturbi neurologici e neurovegetativi: emicrania, cefalea, nevralgia, sindrome del tunnel carpale, sciatalgie, cruralgie, ernie del disco, senso di oppressione, stress, disturbi del sonno, stati ansiosi, fibromialgia.
  • Problemi legati alla sfera ORL: otiti, riniti, sinusiti, esiti di bronchiti o polmoniti, patologie asmatiche, problemi di deglutizione.
  • Problemi odontoiatrici: disturbi mandibolari (click, dolori), malocclusione, asportazione di denti, utilizzo dell’apparecchio.
  • Gravidanza: dolori a schiena e bacino, difficoltà nei movimenti, prolasso o mal posizione uterina, dolori funzionali al pavimento pelvico.
  • Disturbi neonatali e pediatrici: parto cesareo, plagiocefalia, canale lacrimale otturato, occlusioni dentali, rigurgiti, otiti, problemi ORL, coliche, problemi digestivi, disturbi del sonno, dislessia, problemi di concentrazione, scoliosi, strabismo

QUALI SONO I SUOI LIMITI?

L’osteopatia non é indicata in caso di lesioni anatomiche gravi o urgenze mediche; non può guarire le malattie degenerative, genetiche o infettive; può però essere utile in caso di dolore soprattutto per liberare da eventuali tensioni le strutture interessante.

Per questo è utile, a qualsiasi età, una sessione di trattamenti osteopatici qualora si presentino disturbi, ma anche un semplice controllo e riequilibrio globale periodico in chi non ha problemi particolari.